MAMMA Nadia Toffa: “Lei non voleva diventare madre”

MARGHERITA, LA MAMMA DI NADIA TOFFA

MAMMA Nadia Toffa: IL RACCONTO DI CHI L’HA VISSUTA SEMPRE

La mamma di Nadia Toffa, la signora Margherita, torna in tv per portare in giro la parola della figlia. Nadia aveva delle idee e dei sentimenti e voleva che tutti li sapessero dopo la sua morte. E’ per questo che la iena, morta davvero troppo giovane per via della sua malattia, ha scritto un libro il quale ricavato verrà devoluto interamente in beneficenza.

Ospite a quarto Grado, la signora margherita ha dichiarato: “Con la volontà di Nadia abbiamo istituito subito una Fondazione per curare o quantomeno per trovare le cure per le malattie oncologiche. Nadia era una persona sempre alla ricerca della verità e voleva aiutare tutti coloro che ne avevano bisogno. Nadia era una persona forte, fortissima e sopratutto coraggiosa. Non aveva assolutamente paura di nulla”.

Nadia Toffa E la mamma Margherita

La signora Margherita, con la voce tremante, ha continuato a parlare della sua adorata figlia: “Come Nadia mi aveva chiesto, porterò avanti la sua testimonianza ogni giorno. Dopo la morte la cosa che mi ha sconvolto è aprire il suo pc e trovare tutti quei testi. Scriveva tantissimo ed erano tutti testi meravigliosi, almeno per me”.

Diventare mamma? Nadia non voleva ma dietro c’era un validissimo motivo: “Nadia non voleva assolutamente diventare genitore perché sapeva che purtroppo non sarebbe durata molto. Parlava raramente della sua malattia, non voleva assolutamente. Dentro di se sapeva di essere grave ma non voleva parlarne. Non voleva essere guardata come una persona malata perché lei non si sentiva assolutamente così. Si era affidata al destino che purtroppo non ha avuto un esito positivo per lei”.

Il ricordo di Nadia è ancora molto forte e noi ancora oggi siamo davvero tristi che se ne sia andata cosi giovane. Nadia ha insegnato a tutti cosa vuol dire essere forte e avere coraggio. E’ stata una guerriera e noi oggi vogliamo ricordarla ancora come una persona fantastica!