Due dipendenti delle Poste morti per via del CoronaVirus



SEGUICI SU YOUTUBE

Due dipendenti delle Poste sono morti a causa del CoronaVirus. Entrambi hanno lavorato fino a pochi giorni fà

Un’altra tragica notizia colpisce l’Italia ed in particolare la provincia di Bergamo. Poco fà abbiamo appreso della morte di due funzionari o meglio dipendenti delle Poste per via del CoronaVirus. La notizia ha scosso molto l’ambiente ed ha fatto infuriare i sindacati anche perché entrambi i dipendenti avevano fatto servizio fino a pochi giorni fà.

In un comunicato ufficiale Marisa Adobati, componente della segretari della Slc-Cgil di Bergamo, chiede a gran voce e con rabbia la chiusura momentanea degli uffici postali:“Sono già due i lavoratori postali che hanno perduto la vita a causa del contagio da Covid-19: il primo è morto venerdì scorso e il secondo è scomparso ieri, lunedì. I due dipendenti hanno lavorato fino a pochi giorni fa, uno in un centro di recapito e l’altro in un ufficio postale di due comuni della provincia di Bergamo. Ora basta, è ora di chiudere gli uffici postali.”

La donna non ci sta e rincara la dose: “L’inutilità di esporre al contagio i lavoratori di Poste Italiane della Bergamasca, e ovviamente non solo del nostro territorio, e ci viene ripetuto in maniera assillante che Poste deve garantire i servizi essenziali. Il recapito di un bollettino di abbonamento a ‘Frate indovino’ o della marea di avvisi di mancata consegna delle raccomandate non crediamo sia da considerarsi espletamento di servizi essenziali”.