Una senatrice si schiera a fianco di Lulù Selassiè dopo essere stata derisa al Maurizio Costanzo Show
 



SEGUICI SU YOUTUBE

Ecco le parole della senatrice Barbara Masini dopo quanto accaduto al Maurizio Costanzo Show

Nell’ultima puntata del Maurizio Costanzo Show abbiamo assistito ad un brutto siparietto in riferimento a Lulù Selassiè tra il conduttore ed il suo ex fidanzato Manuel Bortuzzo. Il video ovviamente è diventato virale sul web e tra i tanti che si sono schierati e hanno preso una posizione troviamo anche la Senatrice di “Azione” Barbara Masini

Ecco la sua interrogazione parlamentare su quanto successo riportata gentilmente dai colleghi di Novella2000: “Prendendo spunto dagli episodi misogini e discriminatori accaduti ieri nel corso della puntata del Maurizio Costanzo Show, ho presentato un’interrogazione parlamentare perché credo sia arrivato il momento di cambiare approccio nei confronti di chi, ancora oggi, utilizza il mezzo televisivo senza preoccuparsi di chi c’è dall’altra parte dello schermo. Non si tratta di politicamente corretto o di voler inibire la libertà di espressione, si tratta di dare nuovamente alla televisione e ai nuovi media, quel ruolo formativo ed educativo che hanno ricoperto per lungo tempo ma che ormai hanno completamente smarrito”. (continua dopo la foto)

Lulù Selassiè

La senatrice continua dichiarando: “La televisione Italiana è anni luce lontana dal recepimento delle direttive europee e internazionali sulla parità di genere, contro le discriminazioni e il linguaggio d’odio, e questo è, senza dubbio, uno dei motivi per cui il nostro Paese è negli ultimi posti per ciò che riguarda l’educazione sentimentale. Da anni facciamo campagne di sensibilizzazione nelle scuole per limitare questi fenomeni. Per educare i nostri ragazzi all’uguaglianza e al rispetto e poi vediamo tutto vanificato con dei siparietti televisivi in cui le donne vengono oggettivate e spersonalizzate e i gay derisi come nella più becere delle commedie comiche anni ’80″.

Ecco la conclusione di Barbara Masini: “Non possiamo più nasconderci dietro il velo della libertà a tutti i costi. Perché questo tipo di libertà, che ledono la dignità altrui, non liberano ma ingabbiano e condannano ad una estrema pochezza culturale. Questa settimana sono stati diversi gli episodi che hanno fatto discutere. Le molestie alla festa degli alpini, il discorso poco felice di Elisabetta Franchi sulle donne madri e lavoratrici e ora questo. È evidente quindi che la situazione è purtroppo molto più ampia e complessa e merita una riflessione seria e un intervento rapido”.