GFVIP 7, Patrizia riceve informazioni in confessionale su una situazione all’esterno: “Sono in ansia”
 



SEGUICI SU YOUTUBE

La nota Patrizia Rossetti ha ricevuto delle notizie dalla redazione su una sua situazione esterna

Ieri sera una nuova puntata del Grande Fratello VIP e andata in onda come sempre su canale cinque a partire dalle ore 21 e 45. Una puntata ricca di emozioni e colpi di scena che ha fatto capire che la nota Patrizia Rossetti ha ricevuto delle informazioni in confessionale su una sua situazione all’esterno.

Ecco le sue parole riportate da Biccy: “Ragazzi mi ha nominata anche Nikita ma non ci sono problemi, non me la prendo. Anzi mi dà un po’ adrenalina andarci. Ci sono già andata due volte e poi sono rimasta. Che poi se esco devo sistemare anche delle cose importanti. Ad esempio ieri mi hanno riferito che il rogito è stato fatto a metà e l’altra parte verrà fatta a gennaio. E per questo ero un po’ più incavolata. Questa cosa mi manda un po’ in ansia. Su quello si basa il mio futuro lo capite? Ho chiesto a loro se mi fanno fare una chiamata, ma per queste cose importanti, ovviamente telefonata che poi loro possono ascoltare”.

Patrizia aveva già dichiarato di non pensare di restare fino alla fine del reality: “Se resto fino alla fine? Oddio ragazzi no vi dico già che non posso. Mi piace il gioco, ma non resterò troppo. Ho delle cose anche delicate fuori. Prima di partire ho fatto anche una procura. Sono dietro ad una cosa da quasi due anni e non è stata facile. La mia casa messa in vendita e sotto le belle arti e quindi tutto diventa più complicato. Per entrare ho dovuto lasciare il rogito al mio manager. Io mi fido davvero del mio agente, ma qui si tratta di una roba grossa. Ne va del mio futuro. Sì diciamo che è il mio tesoretto per vivere tranquilla. Quindi stare qui fino a gennaio sarebbe difficile perché vorrei stare dietro a questa situazione.

Voi nemmeno immaginate le difficoltà e quello che ho sofferto per questa vendita. Tutta roba burocratica noiosa e lunga. Pensate che giorni prima di entrare qui ero dal nuovo notaio, perché il vecchio che avevo è morto. Quindi non trovavano più i documenti. Insomma inutile dire tutto, è una cosa delicatissima e importante”.