Reddito di Emergenza (REM): cos’è, chi può richiederlo e come può richiederlo



SEGUICI SU YOUTUBE

REDDITO DI EMERGENZA: ECCO TUTTO QUELLO CHE C’E DA SAPERE SULL’AIUTO ALLE PERSONE

Il CoronaVirus continua a mettere in ginocchio l’Italia non solo dal punto di vista del sistema sanitario ma anche dal punto di vista economico ed il Governo, in soccorso delle famiglie più bisognose, ha emanato delle nuove misure d’emergenza. Attraverso il nuovo decreto Cura Italia che andrà in vigore da aprile, il Premier Conte ha deciso di stanziare 6 miliardi di euro in favore della popolazione, in particolare quella più bisognosa in questo periodo di crisi. E’ stato dunque istituito il Rem (Reddito di Emergenza) che sarà erogabile a partire dai prossimi giorni. Ma in cosa consiste? Chi può usufruirne e come? Mentre per i dipendenti le società possono usufruire della cassa integrazione in deroga o del fondo integrazione salariare, per altre categorie meno protette c’è bisogno dell’intervento del Governo.

Il reddito di emergenza, del valore di ben 600 euro mensili a persona (c’è l’ipotesi potrebbe salire a euro 800,00), è destinato agli individui più bisognosi per l’acquisto di beni di prima necessità e generi alimentari.  Le categorie che potranno richiedere il seguente reddito sono:

  • commercianti;
  • agricoli;
  • Partite IVA;
  • Co.Co.Co.
  • collaboratori dello spettacolo;
  • stagionali (compresi bagnini, camerieri, animatori turistici e addetti alle pulizie);
  • liberi professionisti;
  • badanti e colf;
  • precari;
  • lavoratori “grigi”;
  • irregolari;
  • intermittenti;
  • Fast Jobs (contratti per pochi giorni, settimane o mesi);
  • chi ha finito di percepire la NASpI;

Al momento sembrerebbe che il seguente reddito potrà essere richiesto come sempre attraverso l’INPS, o direttamente tramite il sito web accedendo alla propria area personale o tramite call center o CAF. La domanda sarà presentabile a partire dal mese di aprile ma si ipotizza che l’erogazione possa essere non sul conto corrente diretto del beneficiario ma tramite carta come avviene per il reddito di cittadinanza.